sabato 15 febbraio 2014

Il mondo in black & white: libri in bianco e nero per Adele (PDF da scaricare)

Come passa il tempo, mi sembra ieri che è nata Adele  e intanto ha già quattro mesi e mezzo...! La nostra piccolina di casa cresce in fretta ed è  molto mammona;-))) Non scende mai dalle mie braccia, e se dico mai è veramente MAI. Per poter fare qualsiasi cosa durante la giornata devo ricorrere all'aiuto della fascia (dichiarata santa subito). A Adele ovviamente piace stare stretta, attaccata alla sua mamma, e date le sue dimensioni piuttosto minute riesco a portarla in posizione "a culla", e contemporaneamente allattarla. Sarebbe stato piuttosto scomodo tirarla fuori per attaccarla al seno ogni volta, visto che ciuccia in continuazione.

Di solito a quell'età un neonato comincia a mordicchiare i sonaglini e maltrattare quel che capita con le gengive; a casa abbiamo i giochini per i più piccoli ereditati dalla sorella più grande, ma non sembrano ancora attirare particolarmente l'attenzione di Adele. Lei pensa solo alla tetta, per adesso è la sua unica passione. Osserva il mondo da dentro la sua fascia, calda e protetta come piace ai neonati. Io non mi preoccupo né la cosa mi dà fastidio; mi definisco mamma ad alto contatto e cerco di fare di tutto per dare alle mie figlie ciò di cui hanno bisogno. Ma d'altra parte portare un bambino addosso senza sosta è davvero molto stancante... Il papà di Adele aiuta quanto può ma essendo fuori casa tutto il giorno più di tanto non può fare. A parte la stanchezza dovuta alla continua simbiosi con mia figlia, comincio a pensare alla primavera che sembra essere davvero alle porte: io sono una nordica, un essere a sangue caldo e non sopporto sudare! Appena arriva un po' di caldo lo comincio a sentire e soffro... Non ho intenzione di smettere di portare Adele, adoro farlo ma... se riuscissi a stare un po' senza di lei dentro casa, sarebbe l'ideale;-))) Diciamo non più 24 ore su 24 (dorme con noi, vicino a me), ma... mi accontenterei di 20!:-D Ecco cosa devo fare, devo provare a distrarre Adele e suscitare il suo interesse per il mondo esterno...

E' da un po' di giorni che mi frullava in testa l'idea di cominciare a proporle i giochi in bianco e nero.  Ho visto tempo fa dei libretti a contrasto, destinati ai più piccoli. Ho pensato, che li avrei potuti provare. Ho fatto una prova con un sonaglio - panda, regalato a Anastasia, appena nata, dalla mia amica Melissa. Ho aspettato il momento giusto (Adele non aveva sonno, aveva mangiato, era cambiata e sembrava essere tranquilla) e l'ho messa a pancia in giù. Davanti a lei - il panda in bianco e nero. Lo fissava. Lo scrutava con gli occhi. L'interesse c'era. Ho proposto il panda ancora altre volte, era evidente che le piaceva. Poi tra tanti peluches di Anastasia ho trovato un altro panda, più grande, anche questo lo proposto a Adele. Allora qualcosa di interessante in casa c'era già.
Ma io, da tipica femmina, non mi sentivo soddisfatta;-)) Volevo di più. Volevo uno di quei bei libretti  con le immagini a contrasto che avevo visto tempo prima.

Così ho fatto un giro in rete e ho trovato un po' di libri per i neonati in bianco e nero. Cosa è capace di vedere un bambino così piccolo? Un neonato non vede il mondo come lo vediamo noi, questo lo sappiamo tutti. Secondo gli studiosi le forme semplici e con pochi colori attirano l'attenzione del neonato molto di più che un giochino molto colorato, che invece spesso piace di più ai genitori. Così un bambino piccolissimo è in grado di distinguere un disegno in bianco e nero e con i bordi ben delineati. Glen Doman sostiene che la vista (e di conseguenza l'abilità di leggere) si possono esercitare già dai primi giorni di vita proprio attraverso i contrasti, ad esempio mettendoci davanti a una finestra con molta luce. Il bambino distingue l'ombra della persona e la luce del sole che fa contrasto. Però, diciamocelo, questo non è sufficiente. Allora c'è chi ci ha pensato e ha inventato questi libretti... L'idea è semplice: su ogni pagina c'è un elemento grande, bianco su sfondo nero o viceversa. Non rimane che sfogliare le pagine insieme al bambino, farle guardare, osservare. Il bambino esercita la vista e fa primi passi verso la comunicazione.


Purtroppo non sono riuscita a trovare i libri con i disegni a contrasto in Italia, forse non ho cercato con i termini giusti... In Polonia e in Gran Bretagna si trovano senza nessun problema. Ho valutato i prezzi e ho deciso di acquistare su Amazon UK un cofanetto contenente ben quattro libretti con i disegni a contrasto e una giostrina da montare e appendere sopra il lettino. Adele non fa uso del lettino per bambini quindi l'ho appesa al lampadario in camera delle bambine. Carinissima!







I libretti sono quattro: i primi due sono adatti dai primi giorni, gli altri due dalle dodici settimane di vita circa (secondo quello che c'è scritto sulle copertine). All'interno del primo troviamo delle semplici figure geometriche, nel secondo ci sono una serie di pattern: righe verticali, orizzontali e oblique, puntini e spirale. Il terzo contiene una sequenza di visi raffiguranti varie espressioni - molto carino. Questo mi ha ricordato che Anastasia al bilancio di sei mesi dal pediatra ha ricevuto un libretto intitolato "Guarda che faccia!", con fotografati visi dei bambini a tutta pagina, che esprimevano diversi sentimenti, dalla gioia alla rabbia e stupore. L'abbiamo sfogliato moltissime volte e ha riscosso grande successo, infatti non è sopravvissuto ai continui incontri con la piccola lettrice.
Il quattro libretto è un po' più complesso, ha delle pagine forate e alcune argentate che sembrano specchio, per cui crea degli effetti tridimensionali e di luce completamente nuovi rispetto ai libri precedenti. 

Ho mostrato già i due primi libretti a Adele. Effettivamente sembrava apprezzare e ha resistito fino alla fine guardando tutte le quattordici pagine del libretto! Si vede che ho beccato il momento giusto:-))). Comunque continueremo la nostra avventura con la lettura, questo è sicuro! Magari prima che arrivi l'estate Adele vorrà stare fuori dalla fascia un pochino di più:-))).


L'altro elemento del cofanetto - la giostrina - era molto facile da montare, complice le istruzioni molto chiare aiutate da fotografie. L'ho mostrata a Adele che ne era rimasta incantata: ha fissato a lungo con lo sguardo girare gli elementi. davvero peccato che nel nostro caso non ha senso attaccarla sul lettino... Dovrò presto trovare una soluzione, intanto decora la stanza delle bambine, appesa sul lampadario:-))).










Questi libri mi hanno ispirato a creare delle carte con i disegni a contrasto, che sono pensate allo stesso modo e hanno la stessa funzione. Ho scelto alcuni degli elementi dell'ambiente che ci circonda. Le condivido con gli altri: se qualcuno le trova utili e desidera utilizzarle, basta cliccare sul link sotto, scaricare e stampare - meglio su un cartoncino che è a prova di un bambino;-))) Una volta stampate le carte ritagliatele, mettetele insieme una sopra l'altra, fate un buco in un angolo e legatele con una corda. Le carte sono pronte per giocare!:-))






















5 commenti:

  1. Ciao, molto belli questi libri! Io avevo stampato delle carte che poi gli facevo vedere, ma sottoforma di libro é sicuramente meglio (se lo possono pure mangiare! ;-) ).
    Sarò io imbranata, ma non riesco a scaricare il pdf con le immagini...li vedo sulla pagina, ma se metto "scarica" o "stampa" mi da una pagina di errore...
    Volevo usare le immagini per fare una giostrina...
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luna, benvenuta:-)))
      Non so proprio quale possa essere il problema; ho provato a scaricare questo file dai diversi computer per verificare che non ci siano problemi di download e funziona bene. Hai cliccato sulla freccetta in giù per scaricare il file? Forse può essere un problema di qualche impostazione del tuo pc?
      Per rendere le carte più resistenti si può plastificarle o rivestire da due strati di carta adesiva trasparente - a prova di saliva;-)))
      Ciao, spero che risolvi il problema del download!

      Elimina
  2. Ciao! Ti posso chiedere come si chiama il libro di stoffa in cui la bimba si specchia? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Eleonora,
      è passato molto tempo dal momento che ho acquistato questo libretto, comunque sono riuscita a risalire al titolo. Lo trovi qui: https://www.amazon.co.uk/gp/product/0333902505/ref=oh_aui_detailpage_o01_s00?ie=UTF8&psc=1
      Ciao e grazie!
      Agnieszka

      Elimina

È bello vederti qui! Se ti va, lascia un commento! Se sei un "Anonimo", lascia la tua firma. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Non perderti nessun post! MAMMAger by Email!