sabato 8 marzo 2014

Il mio pane (quotidiano e semplice)

Il pane. Alzi la mano chi non adora il pane fresco, con sopra magari una fetta di prosciutto crudo appena affettato o una fetta profumata di mortadella tagliata sottile?
Ogni tanto mi piace fare il pane ma non ho trovato mai una ricetta che mi potesse soddisfare in pieno. Mai fino a che non ho trovato questa! Presa dal sito polacco Przepisy kulinarne ze zdjeciami, questa ricetta non solo è semplicissima e con pochi ingredienti, ma il pane che viene fuori è davvero magnifico! Con la sua buccia croccantissima e un profumo invitante non mi ha fatto aspettar che si raffreddasse... L'ho tagliato quasi appena sfornato, non vedevo l'ora di scoprire com'era dentro e che gusto avesse. Buonissimo. Finalmente ho trovato la mia ricetta per il pane! Da provare!

PANE QUOTIDIANO

Ingredienti:
  • 350g di farina di frumento
  • 210 ml di acqua circa
  • 10g di lievito fresco
  • 1 cucchiaino di sale
Procedimento:

Sciogliere il lievito fresco nell'acqua, aggiungere la farina e il sale. Mescolare con un cucchiaio. Aggiungere un po' di acqua o di farina se l'impasto dovesse risultare troppo solido o troppo liquido.

Mettere in una ciotola, coprire con pellicola per alimenti e far lievitare per 1,5 - 2 ore.

Quando la quantità dell'impasto è raddoppiata, cospargere con la farina e staccare dalle pareti del recipiente.

Impostare il forno a 250 gradi e quando raggiunge la temperatura mettere dentro una pentola di ghisa e scaldarla per mezz'ora (io ho una pirofila di ghisa con un coperchio in vetro).

Tirare fuori la pentola e trasferire con cura l'impasto dentro (attenzione alle dita! La pentola è rovente!). Coprire la pentola con il coperchio e rimettere nel forno per mezz'ora.

Trascorsa mezz'ora togliere il coperchio e cuocere ancora per 2-3 minuti.

Quando il pane è ben dorato tirare fuori la pentola e lasciatelo raffreddare sotto sopra.
Buon appetito!

* per chi possiede la macchina per il pane: l'impasto si può fare benissimo con quella (mettere prima gli ingredienti liquidi poi solidi), fino al momento di lievitazione ultimata.




Nessun commento:

Posta un commento

È bello vederti qui! Se ti va, lascia un commento! Se sei un "Anonimo", lascia la tua firma. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Non perderti nessun post! MAMMAger by Email!