giovedì 17 aprile 2014

Il Coniglietto mi ha detto: "Vuoi un regalo? Cerca sotto il letto!"

Pasqua si avvicina con grandi passi, ormai mancano pochissimi giorni alla Festa. In Polonia nella giornata di Giovedì Santo, nelle case dei bambini c'è un po' di movimento, c'è aria di allegria. Tutti  i bambini sanno che quel giorno arriva il coniglietto pasquale che porta i doni. Di solito sono semplicemente dolcetti: piccole uova, pulcini e coniglietti di cioccolato. La sera prima si prepara un piccolo cestino; dentro si mette erba fatta di carta crespa colorata, poi si lascia il cestino in buona vista e il giorno dopo... Magia, il cestino è bello pieno di regali:-))) Il cestino può anche essere nascosto, così che il bimbo lo cerca e così aumenta ancora l'effetto sorpresa: ad esempio in un giardino - se c'è - o semplicemente dentro casa.

Quando ero piccola il coniglietto veniva a casa, ma anche all'asilo. Le maestre erano fantasiose, ci portavano anche nel bosco dove cercavamo i nostri cestini, nascosti sotto qualche cespuglio... Era divertente cercare  tra tanti il proprio cestino:-)))



Quest'anno Anastasia è abbastanza grande per poter ricevere la visita del coniglietto: ho pensato di fare una specie di caccia al tesoro. Ho preparato piccoli regali: bolle di sapone, panetti di didò con i quali Anastasia adora giocare, una tazza con Peppa Pig e ovviamente - anche se di dolci Anastasia ne mangia pochi - piccole uova di cioccolato. Almeno a Pasqua non li volevo far mancare...!
Mi piaceva molto l'idea di fare questo gioco all'aperto, ma purtroppo non abbiamo un giardino per cui dovevo accontentarmi dello spazio dentro casa. Ho nascosto i doni nei posti più o meno strani: uno dentro la lavatrice, uno sotto un cuscino, uno dentro un cassetto, uno nella culla di Adele... E così via. Li ho sparsi un po' ovunque.





Ho scritto dei biglietti con indicazioni semplicissime e comprensibili per una bambina di due anni. Tipo: "Guarda nella culla di Adele", "Guarda nel posto dove la mamma ti cambia il pannolino", "Guarda sotto il cuscino nel tuo letto", "Cerca dentro la lavatrice" ecc. Ho messo tutti i biglietti dentro una busta indirizzata ad Anastasia da parte di coniglietto, insieme a una breve lettera:
"Ciao Anastasia, sono io, il coniglietto pasquale! Ti ho portato alcuni regali e siccome so che ti piace giocare, li ho nascosti tutti! Prendi questo cestino, dentro puoi mettere i regali che troverai. Ascolta cosa ti dice la mamma e vai a cercarli!"


Ho messo il coniglietto dentro al cestino colorato insieme alla lettera. Ho chiamato Anastasia (che è arrivata saltando - era tutta la mattina che si parlava del coniglietto) e le ho letto la lettera... Mia figlia era elettrizzata, non stava più nella pelle! Ha capito benissimo cosa doveva fare, io le leggevo i bigliettini e lei, con il suo cestino in mano, andava a caccia di regali. Le indicazioni erano semplici per cui non ha avuto nessun problema a trovarli. Correva dal bagno alla camera, dalla cucina in sala e ogni volta quando trovava qualcosa gridava felice mostrandomi i regali. Il cestino non lo ha mollato mai, anzi - era stata l'attrazione principale fino al pomeriggio;-)))
Anche questa volta, facendo con mia figlia qualcosa che mi ha ricordato la mia infanzia, mi sono sentita felice:-)))







1 commento:

  1. bellissima anche la tua caccia, io da piccolina decoravo le uova a scuola, poi a Pasqua le mettevano tutte insieme in un cesto e le regalavamo a mamma e papà...sono belle queste tradizioni!!

    RispondiElimina

È bello vederti qui! Se ti va, lascia un commento! Se sei un "Anonimo", lascia la tua firma. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Non perderti nessun post! MAMMAger by Email!