giovedì 17 aprile 2014

Uova di Pasqua disegnate con erbe


Sono anni che non coloro le uova di Pasqua, non so nemmeno io il perché... E pensare, che da bambina/ragazza lo facevo sempre! In Polonia la tradizione di colorare le uova (si chiamano "pisanki") è molto radicata ed esistono diverse tecniche per decorarle, spesso molto laboriose. Quella più diffusa era ricoprire l'uovo con disegni fatti con cera calda e poi immersi nel colore. 

Quest'anno - a dispetto del tempo che mi manca come mai prima - ho deciso di colorare le uova per Pasqua;-))) Tempo fa ho visto -  non mi ricordo dove - delle uova decorate con impronte delle foglie e dei fiori. L'idea mi era piaciuta moltissimo perché l'effetto finale poteva essere imprevedibile e sorprendente. Le uova avevano un qualcosa di etereo e surreale, non si capiva bene com'erano fatte: le impronte rimanevano molto delicate.
Ho preparato l'occorrente:
  • uova (sode)
  • fiori o erbe secondo la fantasia e disponibilità
  • coloranti per dipingere uova
  • pezzetti di stoffa (ho usato cotone leggero di misura circa 12cm x 12cm) - bastano tanti quanti colori diversi si usano
  • ciotole
  • elastici o filo
Sotto casa abbiamo un piccolo orto dove dall'anno scorso cerchiamo di far crescere qualche verdura e un po' di erbe. Con risultati medio-soddisfacenti, anche se quest'ultime crescono benissimo;-))) Proprio lì ho trovato il materiale principale che mi serviva. Ho raccolto timo, rosmarino, maggiorana, finocchietto, origano, qualche fiorellino che non sono riuscita a identificare e per ultime un po' di margherite e di trifogli sul prato.








A casa ho preparato i colori. Questa volta (anche per fare prima) erano sintetici ma la prossima volta userò metodi naturali per dipingere le uova: mia madre le colorava con bucce di cipolla (per il marrone), foglie di ortica o di spinaci (per il verde) e succo di barbabietole rosse (per il rosa). Si possono usare anche curcuma, zafferano e hibiscus (per il giallo) e cavolo rosso (per l'azzurro).
Ho disposto la prima erba (maggiorana) sulla stoffa, ho messo sopra l'uovo e ho fatto una specie di fagottino stringendo forte la stoffa in modo di farla aderire il più possibile al guscio dell'uovo. 







Poi ho immerso il tutto nel colore e ho proseguito per dipingere l'uovo com'era indicato sulla confezione. Poi sono andata avanti con le altre erbe: trifoglio, rosmarino, finocchietto, timo, margherite... Fino ad esaurimento delle uova a disposizione. Alcune sono venute meglio, altre peggio, ma il risultato è stato soddisfacente. Ho fatto un po' di casino in giro con il colore, ma con Adele nella fascia ero un po' impacciata... 


Una volta asciutte, ho passato sopra le uova un po' di carta con olio - in un attimo sono diventate lucide e lisce. 
Ringrazio mia madre per essermi stata dietro con le pulizie post-creazione!;-)))


6 commenti:

  1. ma che bella questa idea! Il risultato è pazzesco! Non credevo che sarebbe rimasto questo effetto così marcato!
    Bravissima come sempre!! ^_^

    RispondiElimina
  2. Quindi le hai cotte prima di dipingerle, giusto?! E quanto tempo sono rimaste nel colore?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!
      Le ho cotte prima per evitare gli incidenti di rottura durante il processo di tintura...;-)))
      Le ho lasciato nel colore 5-6 minuti.

      Elimina
  3. molto molto carine! Ma non avevo dubbi:-)

    RispondiElimina

È bello vederti qui! Se ti va, lascia un commento! Se sei un "Anonimo", lascia la tua firma. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Non perderti nessun post! MAMMAger by Email!