venerdì 30 maggio 2014

La nascita dell'elefante milleocchi-arcobaleno



E ora cosa ci facciamo con quel grosso cartone che ancora ieri chiamavamo "pacco"? Lo siamo andate a prendere alle poste e ci è voluto l'aiuto del passeggino per portarlo a casa; era davvero ingombrante!
Una volta aperto sembrava che a casa nostra fosse passato Babbo Natale: sul pavimento non c'era altro che bellissimi giochi. Eh sì, mi sono fatta trascinare dall'entusiasmo del momento e ho acquistato qualche bellezza in legno e in cartone - dei giochi favolosi, che per il momento però - nonostante ci sia la scritta "+2", non vedo ancora adatti ad Anastasia. Domino, puzzle, fattoria in cartone - li abbiamo provati ma credo che sia meglio aspettare ancora un po'. Li tirerò fuori tra alcuni mesi e intanto se ne stanno ben nascosti dentro l'armadio delle piccole.
Ma torniamo alla scatola: robusta, rigida, marrone. Grandissima - e senza fastidiose scritte sopra! Inspirata alla nostra gita nel giardino zoologico del sabato scorso e al cartone animato "Dumbo" che abbiamo guardato qualche tempo fa, ho scelto di creare un elefantino di cartone.





In un modo piuttosto grossolano ho disegnato il corpo dell'elefante: corpo, zampe e orecchie (anzi, una grande). Qui sotto c'è lo schema con gli elementi da ritagliare; si possono vedere anche in quali punti bisogna poi tagliare il cartone per incastrare i pezzi tra loro.




Poi è arrivato il momento di decorare il corpo dell'elefante. Un modo veloce, divertente e (questa volta) senza sporcarsi, era quello di usare degli adesivi. Anastasia adooooora attaccare e staccare, lo fa di continuo! Tutti i bambini amando attaccare e staccare! Ho scelto dei washi masking tape; sono fogli con strisce e cerchi adesivi coloratissimi!
Abbiamo fatto così: un lato del corpo lo abbiamo riempito con le strisce che sceglieva lei, l'altro con strisce monocromatiche - l'ho invitata a scegliere da quelle rosa e rosse. Poi con le orecchie abbiamo fatto allo stesso modo: un lato colorato, l'altro con le strisce di tonalità blu. E poi le zampe a tutto colore! E' proprio un elefante arcobaleno!:-))








Il corpo era pronto, ma mancavano gli occhi! Ho proposto ad Anastasia di disegnarli con un pennarello; lei è stata molto generosa regalandogli non un paio di occhi ma tantissimi occhi! Sicuramente è un elefante molto fortunato, considerando che la vista non è il punto forte di questi animali!;-))



Ora potevo unire tutti gli elementi: con le forbici ho fatto dei tagli sul corpo in corrispondenza delle orecchie e delle zampe, poi ho fatto lo stesso in mezzo all'ovale delle orecchie e sulla parte superiore delle zampe. Poi ho incastrato tutto.




Beh, è venuto proprio carino:-))) Ma gli mancava la coda! Ho preso un bottone di legno a forma di cuore (il nostro elefante oltre ad essere colorato e "milleocchi" sarà anche un romanticone) e un pezzo di spago, poi ho fatto un foro nella parte posteriore del corpo. Ho infilato lo spago con il cuoricino. Ho fatto un nodo - et voilà! L'elefante milleocchi-arcobaleno è nato!:-)))





Presto Anastasia gli ha presentato il suo papà (ultimamente, dopo che ha visto "Alla ricerca di Nemo", tutti sono "figli" e "papà")... Poi, mentre mettevo a posto le cose che abbiamo lasciato in giro durante la nascita dell'elefante, ho pensato che potevamo creare un'habitat per il nostro bebè. C'era rimasto un bel pezzo della scatola dalla quale ho ritagliato i pezzi che hanno formato l'elefante; su un lato ho disegnato degli alberi e a grande richiesta di Anastasia anche una palma. Lei ha disegnato le nuvole, un sole senza raggi e uno con (due soli - oggi abbondiamo;-))), un uccellino e i fiorellini. Poi mi ha chiesto di disegnare Nemo (e ti pareva?), quindi ho disegnato un laghetto... E lei ha fatto il pesciolino Nemo e il suo papà! Ovviamente non poteva mancare il famoso subacqueo (per chi non lo sapesse - era il tizio che si era portato via il piccolo Nemo).







Questo ambiente dentro la scatola, una volta finito, ha richiamato molti animali. Uno per volta arrivavano: la giraffa, il rinoceronte, la zebra, lo squalo, le rane! Tutti erano curiosissimi e volevano conoscere il nostro bizzarro elefante arcobaleno dai mille occhi!:-)))






Poi Anastasia ha presentato l'elefantino al suo cagnolino Booh (no, non è una girandola, è un cane ;-)) - anche lui... Arcobaleno! Ma non saranno parenti questi due?!?


E poi, tutti i quanti, insieme - ormai diventati amici - sono andati a fare una passeggiata!



Nessun commento:

Posta un commento

È bello vederti qui! Se ti va, lascia un commento! Se sei un "Anonimo", lascia la tua firma. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Non perderti nessun post! MAMMAger by Email!