giovedì 26 giugno 2014

E tu, cosa vuoi fare da grande?


"E tu, cosa vuoi fare da grande?"

Una delle domande preferite degli adulti di tutti i tempi quando hanno a che fare con i bambini.
Da piccola, quando qualcuno mi chiedeva chi volevo diventare in futuro, rispondevo: "Vorrei illustrare libri per bambini!". La risposta negli anni è stata sempre uguale ed era dettata dal fatto che il disegno era la mia passione, fin da quando ho imparato a tenere in mano una matita. Cos'altro avrei potuto rispondere? Penso che all'epoca non vedevo quell'attività come un vero mestiere, forse il mio desiderio era quello di continuare a vivere giocando e divertendomi.
Ovviamente quello dell'illustratore è un lavoro come un altro, ora lo so bene: bisogna impegnarsi per dare il meglio, rispettare i tempi delle consegne, ascoltare ed eseguire le indicazioni del cliente, essere seri e disponibili. E molto spesso correre come matti per fare in tempo e rispettare le scadenze! Ma come ogni mestiere - se viene fatto con dedizione, passione e amore - e soprattutto se è quello che abbiamo scelto e desiderato - può anche risultare divertente:-)))

Faccio l'illustratrice da più di dieci anni ma prima ho fatto altre cose. La vita lavorativa mi ha portato lontano, da un'altra parte; per ragioni non sempre dipese da me, ho seguito un percorso diverso da quello che mi ero prefissata da bambina. Ho fatto lavori che mi piacevano... sì - più o meno - ma le soddisfazioni erano poche e i lavori c'entravano poco con quello che avrei voluto fare davvero.
Ma ad un certo punto, per una strana ragione, la vita mi ha fatto un grande regalo: ho raggiunto e realizzato quel desiderio che portavo dentro di me da sempre. Qualche bizzarra coincidenza, il volere del destino, le capacità apprezzate - ed eccomi qua a fare quello che mi piace davvero. Mi ritengo  fortunata, ma non arrivata; ho ancora molte cose da fare e da imparare.
Quella di fare l'illustratrice non è la mia unica occupazione. Divido il mio tempo tra fare illustrazioni e... fare la mamma! E chi l'avrebbe mai detto? Certo, diventare mamma era una delle cose che ad un certo punto erano entrate tra i miei progetti futuri. Ma mai -  fino al momento di aver dovuto prendere la decisione - mai avrei pensato di fare la mamma a tempo pieno. Perché finché non è nata Anastasia, ero convinta di ritornare a lavorare, appena finito il periodo della maternità. Appunto: fino al momento che non è arrivata lei. Da quel momento le cose sono cambiate molto.
Quando è nata Anastasia lavoravo in una casa editrice della zona ormai da diversi anni; rinunciare ad un lavoro sicuro, con uno stipendio sicuro... Oggi da molti è considerato una follia.  La decisione non è stata facile, anche se sapevo bene cosa desideravo fare e ne ero anche convinta: prima di tutto stare vicino a mia figlia. Non avevo intenzione di abbandonare il mio mestiere, volevo solo ridimensionarmi, cambiare, trasformare le mie capacità e coniugarle con le esigenze - le mie e della mia famiglia.

Così, ho lasciato il mio lavoro da dipendente per seguire Anastasia, per farla crescere. E pian piano, senza perdermi i suoi primi sorrisi, i suoi primi passi legati strettamente alle prime cadute, le sue prime parole e quelle che sono venute dopo, le sue conquiste, i suoi pianti di rabbia e le varie tappe di crescita - ho ripreso a lavorare.  Questo sistema mi rendeva felice ed appagata. Avevo tutto quello che desideravo - e a portata di mano. Poi improvvisamente, nella nostra vita è entrata Adele. Con il suo arrivo e i problemi di salute che fortunatamente ora si sono risolti - ho dovuto lasciare da parte il mio lavoro di illustratrice. Avere un bambino è impegnativo, averne due lo è doppiamente. Avere una bambina impegnativa come Adele significava stare con lei praticamente senza staccarsi mai - lavorare sarebbe stato impossibile!
Un po' di tempo fa ho ripreso a lavorare - e la prima volta che ho preso la penna grafica in mano ho compreso quanto mi era mancato fare illustrazioni, creare qualcosa. Continuare a migliorare, ad imparare e fare quello che mi piace da sempre mi rende felice. Ma anche stanca. Sì, perché la giornata con le sue 24 ore non è poi così lunga per riuscire a fare tutto quello che si vorrebbe:-)))

Io "da grande" faccio quello che sognavo di fare quando ero piccolina. So di essere una ragazza fortunata, perché nonostante momenti in cui tutto sembrava tranne che un giorno sarei diventata un'illustratrice - eccomi qui a fare quello che amo. Non solo: faccio anche la mamma, il mestiere più bello di tutti. Ne sono riconoscente. Chi l'avrebbe mai detto che lascerò un lavoro per farlo? Nessuno, anche mia madre era molto sorpresa - pensava di conoscermi meglio;-)))

E voi?
Siete riusciti/e a inseguire i vostri sogni? Cosa volevate fare da piccoli/e e cosa invece fate adesso? Sono curiosa di scoprirlo!:-)))

2 commenti:

  1. Che grande soddisfazione poter fare quello che si sognava da bimbi!

    Io sognavo di fare la volontaria in Africa, volevo aiutare gli altri ed avevo grandi ideali.
    Poi non so cosa sia successo...
    Da molto tempo faccio l'impiegata part-time presso una multinazionale, dove il rapporto umano non è proprio al primo posto.

    Le mie soddisfazioni le trovo comunque nei rapporti diventati ormai amicizie con i colleghi, nel fare la mamma e la moglie. In fondo anche questa è una missione :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patty e benvenuta!:-)))
      Sono stata molto fortunata ad aver avuto l'occasione di poter dimostrare che so fare qualcosa ed essere capace:-)) C'è stato chi ha visto in me un potenziale e grazie a questo ho potuto andare avanti, crescere e imparare sempre di più.
      Non sempre quello che facciamo come professione è ciò che vorremmo fare davvero, ma è anche vero che non sempre il nostro lavoro è la nostra priorità nella vita (anche se è importante!). La soddisfazione di ciò che facciamo può derivare - come anche nel tuo caso - dalle esperienze fatte in famiglia di tutti i giorni. Essere mamme è molto bello ma anche molto faticoso, se questa "missione" come la chiami tu viene svolta bene, può essere davvero gratificante:-)))
      Ciao, spero di rivederti qui:-)))

      Elimina

È bello vederti qui! Se ti va, lascia un commento! Se sei un "Anonimo", lascia la tua firma. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Non perderti nessun post! MAMMAger by Email!