venerdì 18 luglio 2014

La vita è meravigliosa ed io sono felice

Ho dormito male; mi sono svegliata alle 4 con pensieri non facilmente identificabili, ma che non mi hanno permesso più di riaddormentarmi in fretta e dormire serena. Non ho ancora capito quella strana ansia, ma a volte capita. Sarà colpa del caldo di questi giorni che si espande anche di notte, sarà che dormire in un lettone condiviso da quattro persone che stanno appiccicate crea l'effetto termosifone... Ed io ho caldo! Quando se ne andranno a dormire per conto loro le mie figlie adorate? Il desiderio di avere più spazio mi sfiora l'anticamera del cervello ma so già che un giorno mi pentirò di averlo pensato.

Stamattina, poco dopo le 8, eravamo già al parco: una coperta, un libro, qualche gioco per Adele e noi tre. Lì ho trovato finalmente un po' di aria fresca, un po' di sollievo... In una giornata di sole la cosa che amo di più è l'ombra; se poi regalata da un albero - la amo ancora di più. Al parco si stava benissimo: abbiamo guardato il libro che ci eravamo portate dietro, fatto giri sull'altalena e sullo scivolo.
Anastasia mi ha regalato un fiore, forse l'unico che era rimasto dopo che hanno tagliato l'erba. Una margherita per la sua mamma.

Poi siamo tornate a casa, la temperatura cominciava a salire e il sole scottare: "Andiamo a dipingere?" - "Sì, con colori, tutti tutti!". Così, una volta a casa, ho tirato fuori i colori. "Tutti, tutti" e sei;-)) E abbiamo dipinto un cavallo che correva su un prato, con il sole e le nuvole. Adele dormiva e Anastasia, a dorso nudo, ha dipinto anche se stessa; ho fatto bene a toglierle la maglietta! Io, con un dito immerso nella vernice dipingevo insieme a lei, con l'altra mano mescolavo il sugo con le polpette di zucchine - stava arrivando l'ora di pranzo.

Poi, quando Adele si è svegliata, abbiamo mangiato la pasta e le polpette. Anastasia ha rifiutato le polpette, probabilmente perché al posto della carne c'era quello "schifo" di zucchine. Per compensare la quantità di cibo da ingerire, ha rubato la pasta alla sorellina, che non ha ancora imparato a protestare.
Dopo pranzo ho lasciato il "casinodeldopopasto" in cucina, come spesso accade da quando siamo in quattro. Ci siamo messe sul tappeto a guardare i libretti per un po' e a fare la casa per l'elefante con le costruzioni.

In un momento di tranquillità mi sono messa a sistemare la cucina; Anastasia giocava con Adele sul balcone. Ed è successo in quel momento... Me ne stavo vicino al frigo; me lo voglio ricordare, anche se non è fondamentale. Ma voglio incidere quell'immagine nella mia mente per sempre, voglio ricordare gli odori, i colori, l'atmosfera, cosa stavo facendo e a cosa stavo pensando. Non abbiamo le finestre, in questi giorni sono smontate per essere sistemate. il caldo entra spietato dalle fessure delle tapparelle e riempie tutta la casa. Stavo pensando che proprio non lo sopporto. E nel momento che quel pensiero negativo stava attraversando la mia testa, ho sentito le manine calde abbracciare le mie gambe. Ho abbassato la testa, Anastasia mi stava guardando sorridente:

"Mamma!"... La guardo. "Mamma!... Ti voglio bene!"...

Mi sono abbassata per abbracciarla e per farmi abbracciare; eravamo solo io e lei, tutto il resto in quel momento è passato in secondo piano.
Era la prima volta che la mia bambina me l'ha detto. Mi sono sentita sorpresa, commossa, speciale. Che giornata stupenda, ho guardato dentro di me e ho capito che la stavo aspettando. Ed è arrivata proprio oggi.
La vita è meravigliosa ed io sono felice.












12 commenti:

  1. Che bellissimo post! Buona giornata Aga a te e alle tue bellissime bimbe :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giorgia:-)))
      E' un post abbastanza spontaneo e non programmato, scritto in fretta. Ma visto che il mio blog è per me anche una specie di diario, non potevo non farlo in un momento così speciale per una mamma!
      Buona giornata a te e agli uomini di casa!:-)))

      Elimina
  2. hai fatto bene a scriverlo! sono i piccoli momenti da non dimentica, da rileggere quando siamo un po' giù, da ricordare per sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Ana, anche se sento che quel momento non me lo dimenticherò mai...:-)))

      Elimina
  3. Molto dolce, sia nella parte in cui descrivi le fatiche che nel racconto della dichiarazione d'amore della tua bimba!
    Ketty

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie:-)))
      I nostri figli ci rendono più teneri e dolci (a volte) ;-)))

      Elimina
  4. Con una frase ti cambiano in meglio la giornata, per fortuna che ci sono i nostri bambini!
    Buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, per fortuna... E come facevamo senza?!?!?!
      :-))))
      Buona settimana a te!

      Elimina
  5. Ciao! Sei sul mio Top of the Post di questa settimana
    http://esseremammaoggi.wordpress.com/2014/07/21/top-of-the-post-7-21-luglio/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per avermi scelto! :-)))

      Elimina
  6. E io mi sono commossa leggendoti, immaginandovi. Stupendo.

    RispondiElimina

È bello vederti qui! Se ti va, lascia un commento! Se sei un "Anonimo", lascia la tua firma. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Non perderti nessun post! MAMMAger by Email!