sabato 28 febbraio 2015

Salvare la creativià dei piccoli: missione possibile?



Cos'è la creatività?
Sono da sempre molto attratta da questa parola. Un insieme di dieci lettere che comprendono in sé diversi aspetti di una persona: pensiero individuale, indipendente e non convenzionale, inventiva, curiosità ed entusiasmo, passione per la scoperta, coraggio di implementare una nuova soluzione, e, infine, un approccio flessibile alla realtà che è in rapida evoluzione.

Ho letto da qualche parte che i bambini nascono con delle enormi potenzialità, vengono al mondo dotati di grandi capacità creative, che - ahimè - il più delle volte vanno persi in larga misura durante il periodo dell'istruzione. Mi viene facile credere che sia vero; basta pensare quali incredibili capacità di apprendere e imparare abbiano i bambini nei primi anni di vita. Sono delle spugne che assorbono tutto con una facilità incredibile e specialmente chi ha dei figli (o lavora con i bambini) può confermare quanto questo sia vero.

Essendo attratta così tanto dalla forza creativa dei piccoli ci tengo particolarmente a sostenerla nello sviluppo delle mie bambine. Insomma, non sono espertissima in tema di creatività, ma ci provo a fare del mio meglio e voglio condividere con voi i miei consigli da mamma che ho acquisito nel tempo osservando le mie bimbe e lavorando con loro:-))). Ecco la mia lista delle azioni che aiutano a sviluppare la creatività dei bambini piccoli:
  • cerco di non dire come si fa e di non offrire soluzioni pronte - quando presento qualsiasi gioco: carte, puzzle, domino o altro, lo consegno semplicemente nelle mani della destinataria e aspetto. Sono curiosa di scoprire l'uso che ne farà e spesso rimango sorpresa di come la mente non condizionata dalle "istruzioni d'uso" sia capace di inventarsi modi diversi di impiegare gli oggetti. So che con il tempo bambini impareranno il "corretto" utilizzo dei giochi - ad esempio l'anno scorso Anastasia faceva coi puzzle delle opere cubiste degne di Picasso, ora è capace di mettere insieme tanti pezzi per comporre un'immagine piuttosto complessa. Anche nella vita quotidiana tendo a far ragionare per trovare una soluzione in modo autonomo, ma non escludo mai un eventuale aiuto da parte mia, soprattutto se richiesto.
  • mi sintonizzo - essere sullo stesso magnifico livello di percepire e vedere il mondo è per noi adulti un compito senz'altro difficilissimo e in questo è il bambino che ci guida. Basta farsi trasportare nel suo mondo senza condizioni e pregiudizi e se ci riusciamo non saremo mai un freno per lo sviluppo della loro creatività. Viaggiare qualche volta sulla stessa lunghezza d'onda  appaga, i bambini si sentiranno più a loro agio se troveranno in noi  un "simile" con il quale potersi aprire in libertà.
  • lascio fare - molte volte non è facile, i bambini fanno pasticci e apparentemente fanno perdere anche tempo; niente di più errato, perché proprio facendo ed esercitandosi si mette in moto la materia grigia. Questo vale sia per il gioco che per le "faccende" di casa che i bambini piccoli vogliono svolgere con enorme entusiasmo.
  • non intervengo e non correggo se non serve - penso che è assolutamente inutile far presente al bambino che l'erba non è rosa ma verde, che un cavallo ha quattro zampe e non sette, che un pesce non vive su un albero ma nell'acqua - queste critiche e osservazioni non servono a nulla, se non a bloccare la creatività. La fantasia dei bambini non ha limiti e di certo non ho intenzione di essere io a porli.
  • rispondo alle domande e le faccio anch'io - a parole, a gesti, con l'aiuto di un libro, di un'immagine o di un film, dare una risposta è una buona abitudine. Bisogna partire dal presupposto che non esistono le domande "stupide", "inutili", "ovvie" - non bisogna ignorarle. La curiosità dei bambini va stimolata e alimentata; più chiedono, più risposte ottengono, più fame di sapere avranno in futuro. Inoltre fare le domande a loro stimola l'immaginazione del bambino, che spesso fa di tutto per dare una risposta, a volte molto fantasiosa!
  • leggo le storie (a loro) - perché la lettura, con o senza immagini, apre la mente, allarga gli orizzonti e alimenta la curiosità. Una bella storia sviluppa l'immaginazione e si sa che senza la fantasia la creatività non esiste!
  • non sottovaluto l'importanza del pensiero indipendente - anche se non è per niente facile e ne so qualcosa acnh'io! I bambini all'età di 2-3-4 anni che attraversano la fase dei "terribile two" sono spesso così difficili da gestire! Ma questo è un momento fondamentale non solo per affermare la propria indipendenza e identità. Prendere in considerazione le scelte e le opinioni del bambino, cercare di farlo riflettere, di trovare insieme una soluzione o un punto d'incontro, lo aiutano a far maturare la fiducia in se stesso e nelle proprie capacità. Caratteristiche indispensabili per i nostri piccoli creativi.
Questi sono i miei consigli che cerco di mettere in atto (ci provo!) ma c'è una regola generale che racchiude in sé tutte le altre: il modo migliore per sostenere lo sviluppo (creativo) del bambino è quello di fornire gli stimoli più diversi e introdurre nuove conoscenze in un modo naturale per lui, cioè attraverso il gioco. Tanto, tanto gioco libero in tutte le forme: dal disegno, pittura (anche con le mani e con i piedi), manipolazione di vari materiali con le mani, costruzioni di vario tipo, lettura, movimento e musica...

Che dite, vi trovate d'accordo su quanto scritto sopra?
Quanto è importante per voi incentivare la creatività dei vostri bambini? In che modo la sostenete o cercate di svilupparla? Avete qualche vostra idea, suggerimento o un "trucco" da condividere?
Fatemi sapere!:-)))

Un esempio di creatività ed immaginazione dei piccoli: qui.




9 commenti:

  1. Mi trovi d'accordo proprio su tutto, Aga! Credo molto nel potere educativo e anche curativo della creatività. Lasciar libero sfogo alla fantasia, permettere ai nostri figli di esprimersi senza vincoli razionali o catene convenzionali credo sia una cosa fondamentale per lo sviluppo di una personalità matura e di una identità. Musica, pittura-disegno, lettura e movimento sono le nostre palestre creative preferite. Ma uno dei giochi che i bambini amano, e che piace tantissimo anche a me, sono i mattoncini di legno, con cui realizzare un'infinità di costruzioni, che spesso somigliano a villaggi spaziali. Molto diversi dalle consuete costruzioni in plastica tipo Lego, permettono molte più combinazioni, perché non si è vincolati all'incastro preciso. Ho visto nascere ponti lunghissimi che andavano dal tappeto al divano alla scrivania, torri pendenti tipo quella di Pisa...magari popolate da creature marziane o da affascinanti supereroi :) . Anche Giocare molto all'aria aperta è fonte di grande nutrimento per la creatività...rametti, pigne, sassi, fili d'erba, terra, foglie possono dare l'ispirazione per costruire capanne o siti da falò, spade o frecce o semplicemente possono essere dei tesori da custodire gelosamente e da cui trarre spunto per fantasmagoriche storie di pirati. :) Un'attività stimolantissima sul piano creativo è il collage: dare in mano ai bimbi vecchie riviste, forbici e colla e lasciare che facciano da sé. Che mondi possono nascere e che incanto nel guardarli!
    Uno dei trucchi per il mantenimento della creatività di un adulto, invece, potrebbe essere leggere regolarmente il blog di una certa (bis)mamma dagli occhi azzurri e dalle mani d'oro...chissà se la conosci!
    Io ti dico solo che mi hai dato l'ispirazione e la voglia di scrivere un post sui nostri modi di mantenere viva la creatività. Se mi dai l'ok, parto subito con la creazione del post...ovviamente ti citerò come musa ispiratrice! :)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao vale e grazie del tuo commento!
      scusami se ti rispondo solo ora ma ho passato un fine settimana un po’ difficile e movimentato, cercando di stare dietro ai bisogni di mezza famigliola ammalata e mandando avanti gli impegni lavorativi che in questo periodo dell’anno - come al solito - si sono moltiplicati.
      Ma parliamo del post;-)))
      In primis, sono felice che ti è piaciuto e ti dico subito che puoi prendere lo spunto del mio post per crearne uno, tuo, sono felice di esserti da “musa ispiratrice”:-P e non vedo l’ora di leggerlo.
      Vedo che sei d’accordo su quello che ho scritto quindi immagino farai cose simili e anche il tuo (vostro) comportamento sarà simile al mio (nostro). Anastasia gioca molto con le costruzioni (le famose duolo) e ora anche adele comincia ad incastrare i pezzi insieme, ma abbiamo anche uno scatolone pieno di classiche costruzioni in legno di varie forme e colori. Anche queste utilizzate molto!
      Ci si gioca all’aria aperta e di collage come sicuramente sai non ne facciamo a tonnellate in ogni occasione;-)))
      Di cose da fare ce ne sono molte per sviluppare la creatività, non bisogna nemmeno essere particolarmente portati per inventarsi le cose - ma il nostro comportamento verso i piccoli e le loro azioni è la parte fondamentale, perché spesso senza volerlo mettiamo i freni alla loro immaginazione, fantasia e inventiva.
      Ciao Vale, un bacio grande!

      Elimina
    2. Mi metto a lavoro col post, allora!
      Ricambio il bacio grande :*

      Elimina
  2. Ciao,
    ho scelto questo post per la mia rubrica TOP OF THE POST di questa settimana :-)http://www.damammaamamma.net/2015/03/top-of-the-post-2-marzo-2015.html
    Ciao
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, l'ho già visto stamattina facendo un giro sui blog che seguo!
      Grazie di aver scelto il mio post!
      :-)))

      Elimina
  3. ciao
    io purtroppo non sono per nulla creativa o artistica e devo dire che infatti non sono riuscita a trasmettere quest'arte alle mie figlie
    arrivo dal Top of the post di Marina, anche noi partecipiamo se ti va vienici a trovare su www.genitorialmente.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao,
      grazie tante di avermi fatto visita!

      Elimina
  4. Ciao eccomi da te, bellissimo questo post, io non sono molto creativa ma lascio le mie bimbe sperimentare tutto sperando che diventino più creative di me!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alessia,
      fai benissimo a lasciar sperimentare le tue bimbe, per loro un gioco libero è importantissimo!
      Un saluto,
      Aga

      Elimina

È bello vederti qui! Se ti va, lascia un commento! Se sei un "Anonimo", lascia la tua firma. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Non perderti nessun post! MAMMAger by Email!