mercoledì 13 maggio 2015

Barrette vegan di amaranto



Ecco, finalmente è arrivato il momento a lungo atteso: Adele ci ha graziato della nostra pena non meritata e ha fatto scattare il semaforo verde. Finalmente possiamo viaggiare in macchina per un tempo più lungo di mezz'ora. Forse crescendo anche in lei è nata la voglia di esplorare il mondo che sta un po' più lontano, forse ha aiutato il fatto che abbiamo girato il seggiolino e ora è rivolta verso il senso di marcia;-))). Sembra che la triste era dei pianti sconsolati durante anche brevi tragitti - fonte di stress per noi e soprattutto per Adele - sia finita per sempre, e ora potremo spostarci di nuovo in tutta autonomia dove e quando vorremo. 
Carichi di entusiasmo e voglia di ripartire, abbiamo già programmato diversi viaggi nei prossimi mesi, tra cui anche un lungo viaggio in Polonia (che non so ancora bene quanto durerà)... Io sono eccitatissima al pensiero, sono tanti anni che non torno a casa mia in macchina.

Durante un lungo viaggio, si sa, i cibi giusti sono fondamentali. I cibi comodi da maneggiare, non troppo pesanti, energetici e sani. Pensando a tutti i viaggi che ci aspettano, sono in cerca delle ricette giuste, quelle che saranno in grado di accontentare tutti i quanti. 
Non ho ancora nessuna idea di cosa ci porteremo da mangiare ma una cosa è certa: durante un viaggio che dura molte ore e richiede anche diverse fermate (con i bambini è così), non può mancare uno snack, un qualcosa che si possa sgranocchiare rimanendo seduti in macchina. Questo ci permetterà di mangiare e ammirare il paesaggio che cambia continuamente fuori dal finestrino. 
Ormai lo sapete, io sono una grandissima fan di semi e frutta secca; mi hanno colpito queste gustose barrette (la ricetta trovata su un sito polacco) e ho realizzato la ricetta così com'è proposta (ok, mi sono dimenticata un paio di ingredienti ma è stato irrilevante:-P). Le barrette sono venute perfette: morbide, non troppo dolci, gustose. In questa ricetta non mancano semi e frutta secca, ma il vero re è lui: amaranto soffiato. Amaranto è una pianta originaria del Messico e non è un cereale anche se utilizzato come tale (può essere trasformato in farina). È ricco di fibre, magnesio, ferro, zinco e proteine, vitamine e minerali. 

Dopo aver reso giustizia al piatto originale sono passata allo step successivo: ho deciso di cambiare alcuni ingredienti e (soprattutto!) convertire questa ricetta polacca in una ricetta vegana, per renderla ancora più sana (siamo sulla strada che ci porterà a convertirci da vegetariani a vegani - insomma ci si prova): così ho tolto il burro e ho sostituito l'albume dell'uovo con i semi di lino che una volta messi in ammollo nell'acqua legano bene l'impasto.
Il risultato è stato davvero molto soddisfacente, provare per credere! 

BARRETTE VEGAN DI AMARANTO

Ingredienti:
  • 120g di amaranto soffiato
  • 80g di farina di farro
  • 1/2 cucchiaino di bicarbonato di sodio
  • 50g di mandorle*
  • 50g di semi di girasole
  • 50g di semi di sesamo
  • 50g di noci
  • 50g di uvetta
  • 50g di fiocchi d'avena
  • 2 cucchiai di semi di lino (metterli ammollo con 4 cucchiai d'acqua per mezz'ora)
  • 120-150g di sciroppo d'agave (o altro dolcificante)
  • 180ml di acqua
La tipologia di frutta secca presente nella ricetta e indicativa, si può sostituire con altri ingredienti preferiti (ad esempio pinoli, semi di zucca, mirtilli rossi, anacardi, nocciole, albicocche secche ecc.). 

Procedimento:

Ridurre a pezzettini la frutta più grande.

Mescolare tra loro tutti gli ingredienti in una capiente ciotola.

Riscaldare il forno a 170°C.

Rivestire una teglia (23cm x 33cm) con carta da forno e trasferirci tutto il composto. Livellare la superficie con un cucchiaio premendo per bene (io ho usato le mani;-))).

Cuocere per 35-30 minuti, poi far raffreddare e tagliare a pezzi di dimensioni desiderate.
Conservare in un barattolo di vetro o di latta.
Buon appetito!
:-)))








5 commenti:

  1. Io purtroppo con semi e frutta secca non vado d'accordo per le allergie, però mi piacerebbe.
    Sono lieta che Adele ora tolleri i viaggi e possiate organizzare per la Polonia!!!
    Spero che non ti dispiaccia ma ho fatto il tuo nome al sito Bravibimbi in occasione di una intervista come altra blogger da intervistare, quindi potrebbero contattarti. Se non sei d'accordo, dimmelo pure che li avviso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamma Avvocato hai lasciato un'intervista?? È online?
      Hai fatto bene a lasciare il mio nome... nessuno mai mi aveva intervistata visto mai ci sarà la prima volta!;-)))
      Un abbraccio e grazie di essere passata!

      Elimina
  2. Si, qui: http://www.bravibimbi.it/siti-amici/intervista-a-mamma-avvocato/

    RispondiElimina

È bello vederti qui! Se ti va, lascia un commento! Se sei un "Anonimo", lascia la tua firma. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Non perderti nessun post! MAMMAger by Email!