venerdì 9 ottobre 2015

L'amore per la lettura, un grande dono che possiamo fare



Tutto comincia da una storia d'amore tra una bambina e i libri.
È una bambina come tante: passa il suo tempo tra la scuola, l'aria aperta e i libri. Questi ultimi fanno parte della sua vita da sempre, almeno così dice. Ma i tempi in cui vive non sono semplici, trovare e comprare un libro in libreria non sempre è possibile. La sua mamma, vedendo questa passione per la lettura, appena può le regala un libro. E ogni volta è una grande gioia.

Per aggirare il problema del deficit di libri nei negozi, ancora prima di cominciare la scuola, la mamma iscrive la bambina in una biblioteca. Da quel momento alla piccola si apre la porta di un universo nuovo e immenso. La bambina non si ferma più; prende in prestito i libri, li divora con voracità e ne ha sempre fame, perché la lettura - una volta conosciuta e apprezzata - crea una sorta di dipendenza. Dopo qualche anno la bambina è iscritta in tutte le biblioteche della sua città. 
Immersa nella lettura si isola dalla realtà. È come uno spettatore di un film ma grazie all'immaginazione ne fa anche parte: esplora mondi fantastici e sconosciuti, accompagna protagonisti in viaggi lontani, scopre posti nuovi, vive eventi immaginari. Qualche volta immagina che sia proprio lei la protagonista, qualche volta sceglie di osservare da lontano.
Le storie che legge sono diverse:  riescono a farla divertire o mettono paura, alcune fanno riflettere e insegnano valori importanti. Capita anche che la bambina pianga leggendo un racconto triste. La bambina non ha paura dei sentimenti - anzi - ama i libri perché solo lì la parola, attraverso gli occhi, arriva contemporaneamente al cuore e al cervello, diventando immagine ed emozione. Così con il tempo impara a riconoscerle.
La mamma della bambina, introducendola nel mondo della lettura le ha fatto un grande dono: ha svegliato la sua curiosità verso il mondo, l'ha aiutata a conoscere e identificare sentimenti diversi e ha alimentato la sua fantasia. E la bambina, che oggi  ha quasi quarant'anni, ne è davvero riconoscente.

Questa bambina sono io e questi sono i miei ricordi: molto chiari e limpidi perché la lettura ha fatto parte della mia vita da sempre. I libri mi hanno dato tanto, mi hanno donato un mondo - che dico! - un universo. È un amore puro, sincero, eterno.

Prima di diventare mamma ho avuto molte incertezze sull'educazione dei miei figli ma su una cosa non avevo dubbi: loro vivranno circondati da libri. Così è stato e così è; a una mamma innamorata della fantasia, consapevole del potere dell'immaginazione, viene naturale voler passare questa preziosa eredità ai propri figli.

Il primo approccio con la lettura già a pochi mesi, era quello di sfogliare insieme dei semplici libretti, guardando le illustrazioni e nominando le figure. Poi siamo passati alla lettura condivisa e Anastasia più volte durante la giornata viene da me: "Mi leggi un libretto?"... Adele non chiede perché non parla ma anche lei si avvicina con un libro in mano perché vuole che lo guardiamo insieme. Io leggo in polacco, il papà in italiano - ma a loro non importa in che lingua ascoltano. Conta stare insieme, ascoltare la voce, sentire e vivere la storia.
Ormai da un po' l'appuntamento fisso è la lettura della buonanotte. Le storie da leggere sono tante ma ultimamente Anastasia apprezza molto le fiabe classiche e la sua preferita è "Mignolina". Il papà legge e noi tutti ascoltiamo perché stiamo nel lettone insieme...;-)))

La lettura porta molti benefici: ci avvicina, oltre all'immaginazione stimola la creatività, la curiosità verso il mondo, aiuta a capire se stessi e gli altri, aiuta a sviluppare il linguaggio, la concentrazione e la memoria.
L'amore per la lettura è contagioso; spero che le mie figlie si ricorderanno con affetto di questi momenti passati insieme con un libro in mano e anche loro, quando arriverà il momento, leggeranno ai loro figli.

E voi? Leggete insieme ai vostri bambini? Qual è il loro libro preferito, mi consigliate qualcosa?:-))

Con questo post partecipo al tema di ottobre di #mammealnaturale







4 commenti:

  1. Il tuo racconto mi ha riportato indietro nel tempo. io ero quella che chiedeva sempre libri, al compleanno, a Natale, a Pasqua, per la promozione, ai nonni ecc. Quella che leggeva sempre, ovunque, tra un gioco e l'altro. E anche ora, a trent'anni e più, di tessere della biblioteca ne ho quattro attive!! hai ragione, è un dono inestimabile che facciamo ai nostri figli, per questo non dimentico mai la fiaba della buona notte e, finanze permettendo, non dico mai di no all'acquisto di un libro. E poi una volta a settimana siamo in biblioteca! Io ti consiglio " Ti voglio bene", della Nord Sud edizioni. E poi le favole della buonanotte di Winnie The Pooh e i classici racconti di Beatrix Potter, dalle immagini stupende!
    Ti ho taggato in un post, http://www.mammavvocato.blogspot.it/2015/10/i-wish-il-tag-dei-desideri.html.
    se ti va di esprimere tre desideri, leggi e partecipa, mi farà piacere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Mamma Avvocato del tuo commento... Che ti piace leggere si vede dai tuoi post, ogni venerdì un consiglio di lettura di verso!
      E grazie di avermi scelta per la staffetta dei desideri;-)))

      Elimina
  2. Ciao,

    ho scelto questo post per la mia classifica nella TOP OF THE POST della settimana :-)

    http://www.damammaamamma.net/2015/10/top-of-the-post-12-ottobre-2015.html

    RispondiElimina
  3. Ciao cara!
    E' sempre bello leggerti!
    Anche per noi la lettura riveste un ruolo importantissimo nell'educazione dei bambini e nell'equilibrio della famiglia tutta. Io e Marco siamo grandi lettori da sempre, e sin da quando erano nella pancia i bimbi ci hanno sentiti leggere ad alta voce per loro.
    Io mi incanto a guardarli seduti sul tappetone mentre sfogliano i loro libri preferiti in silenzio, leggendo le immagini e reinterpretando le storie a modo loro.
    L'ppuntamento del sabato mattina con la biblioteca è motivo di festa per loro (e anche per me!), mentre ogni giorno rinnoviamo il rito della lettura ad alta voce dopo pranzo e la sera prima di andare a letto. Di solito sono io che leggo, ma il sabato e la domenica mattina, Marco viene assoldato senza se e senza ma per le letture di buon'ora del week end :), tutti accoccolati nel lettone.
    Al momento Attilio è appassionato di supereroi, quindi ama tutti i libri-fumetto di Spiderman & co; dei miti greci (vi consiglio "Storie illustrate dai miti greci" Edizioni Usborne) e di un libro nuovo che ha scelto di comprare prima di partire per le vacanze estive e che trovo straordinario: "L'uomo nella luna" di William Joyce...storia di straordinaria dolcezza, che apre le porte di un mondo fantastico, popolato da creature suggestive e poetiche. Illustrazioni da vera opera d'arte!
    Elena, ivece, ama alla follia tutte le storie della Pimpa e dei suoi strampalati amici, le storie in rima (molto carino "Sotto il letto", Bright e Cort, ed. il Punto d'Incontro, che tratta in maniera buffa e divertente il tema della paura infantile dei mostri nascosto appunto sotto il letto) e le filastrocche (questo, per esempio, http://www.naturalentamente.it/venerdi-libro-miracolo-dellacqua/, che è stato il libro preferito di Atto per lungo tempo ed ora è nella top ten di Elena).
    Ma devo dire che anche le storie dei calssici Disney piacciono tanto ad entrambi...se devo fare una classifica dei 5 che chiedono di leggere più spesso sarebbe questa:
    -Tarzan
    -Cenerentola
    -Alla ricerca di Nemo (che vedo anche nella prima delle tue foto qui sopra!)
    -Gli Aristogatti
    -Petr Pan
    Scusa per il papiro...mi sono proprio lasciata andare...l'argomento mi colpisce la cuore. :)
    Anche io scirverò un post sul blog per partecipare a questa iniziativa mensile!
    baci a tutta la tribù <3

    RispondiElimina

È bello vederti qui! Se ti va, lascia un commento! Se sei un "Anonimo", lascia la tua firma. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Non perderti nessun post! MAMMAger by Email!